Correttore: cos’è, come sceglierlo e quando usarlo

correttore: cos'è, come sceglierlo e quando usarlo

Correttore: cos’è, come sceglierlo e quando usarlo

Il correttore serve a correggere le discromie della pelle come macchie di vario genere, occhiaie e brufoli sia sul viso che sul corpo.

Non è un prodotto obbligatorio per la realizzazione di una buona base viso.

Si usa solo se necessario.

Il correttore ha una formulazione più densa e una pigmentazione più ricca rispetto al fondotinta.

Lo puoi trovare in versione compatta, cremosa o fluida.

Si stende solo sulla zona da ‘correggere’, si sfuma e poi si fissa con una cipria trasparente.

Esistono anche i correttori illuminanti che hanno una formulazione più leggera, in genere cremosa e si usano per ‘illuminare’ strategicamente alcune zone del viso con lo scopo di ‘liftarle’.

Correttore: cos’è, come sceglierlo

Trovare il correttore giusto non è facile.

In realtà c’è un colore di correttore diverso in base al colore della discromia da coprire.

Tutte le discromie rossastre vengono perfettamente coperte da un correttore beige che contiene del verde.

Si tratta, quindi di un beige dai toni abbastanza spenti.

Le discromie violacee vengono nascoste da un correttore beige-giallo mentre le discromie bluastre da un correttore beige-albicocca.

Le macchie marroni si nascondono con un correttore aranciato mentre quelle grigiastre da un correttore rosato.

Qualsiasi sia il colore della discromia da coprire, ricorda che l’intensità del colore del correttore non deve essere mai più chiaro o più scuro del colore della tua pelle.

Non sarebbe bello vedere delle chiazze chiare o più scure sul viso.
Prendiamo a esempio le occhiaie. Spesso noi donne cerchiamo di nasconderle con un correttore chiaro, ‘che illumina’ ma che invece ha come risultato di farle notare di più dato che si vedrà una striscia banca sotto l’occhio.

Come usare il correttore

Il correttore si mette prima o dopo il fondotinta?
Dipende dall’intensità della discromia da coprire.
Se la discromia ha di partenza un colore intenso, come macchie o angiomi allora meglio usare il correttore prima del fondotinta, picchiettandolo e fissandolo con un velo di cipria.
Dopo di ciò si stende il fondotinta su tutto il viso facendo attenzione alla zona dove hai precedentemente messo il correttore. Qui infatti il fondotinta va picchiettato delicatamente e fissato nuovamente con la cipria.

Se le discromie non sono importanti per es. occhiaie o brufoli, allora meglio stendere prima il fondotinta poiché potrebbe già bastare o potrebbe modificare il colore della discromia da coprire.

Spesso si confonde un’occhiaia con un contorno occhi segnato cioè che presenta rughe o segni d’espressione.
In questo caso non usare il correttore, basta il fondotinta da solo.

Meno prodotto applichi meno il contorno occhi apparirà segnato.

L’occhiaia è una colorazione diversa, della zona sottostante gli occhi, rispetto al resto del viso.

In questo caso, dopo aver applicato un velo di fondotinta usa pochissimo correttore stendendolo sulla vena scura che tutti abbiamo all’angolo interno dell’occhio. Picchietta bene con il polpastrello e poi applica poco correttore dall’angolo interno fino a metà occhio. Sfuma con un pennello, la spugnetta o con le dita verso l’esterno. Applica pochissimo correttore anche sulla riga rossastra o scura presente all’angolo esterno dell’occhio.

Se invece delle occhiaie hai le borse, cioè un rigonfiamento della zona sottostante l’occhio, meglio usare solo il fondotinta per minimizzarle.
Puoi camuffarle leggermente di più, usando in aggiunta due correttori diversi, uno leggermente più scuro del colore della tua pelle sulla parte gonfia della borsa e l’altro più chiaro solo nel solco sotto il gonfiore.
Questo è una tecnica difficile da realizzare e che apporta un lieve camuffamento poiché la luce del giorno ci colpisce da angolazioni sempre differenti e quindi il gonfiore proietta un’ombra sotto l’occhio che varia in continuazione.

Se vuoi camuffare puntine e brufoli, dopo aver steso il fondotinta, applica il correttore con un pennello piccolo in modo da essere il più precisa possibile, picchietta leggermente con il polpastrello e poi stendi un velo di cipria.

Attenzione però, con il correttore puoi coprire solo la pelle illesa non le croste poiché il trucco non aderirà.

Il correttore illuminante

Se non hai particolari discromie da coprire ma vuoi dare un tocco ‘liftante’ al tuo viso che illumini i punti giusti, usa un correttore illuminante. Sceglilo leggermente più chiaro del colore della tua pelle.
Applicalo sulla vena scura all’angolo interno dell’occhio.
Stendilo in diagonale sotto l’angolo esterno dell’occhio.
Sfumalo ai lati delle ali del naso e sotto gli angoli delle labbra.

Per un tocco illuminante in più applicalo anche sull’arco di cupido e sugli zigomi.

Melly make up artist

Se vuoi scoprire tutti i segreti del make up, ti consiglio di frequentare il nostro corso di make up, da settembre riprenderà la nostra accademia professionale di make up

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here